top of page

Medici 118 Entrano in Stato di Agitazione

Mancata pubblicazione del bando per l'ammissione dei Medici di Emergenza Aventi Diritto di Accedere ai posti a tempo indeterminato: SNAMI Attiva le procedure per la proclamazione dello Sciopero


Bologna li 27 Gennaio 2022


Al Prefetto di Bologna

protocollo.prefbo@pec.interno.it

Al Presidente della Regione Emilia-Romagna

segreteriapresidente@postacert.regione.emilia-romagna.it

All’Assessore alla Salute della Regione Emilia-Romagna

dgsan@postacert.regione.emilia-romagna.it

Alla Commissione di Garanzia per lo sciopero nei servizi pubblici essenziali

segreteria@pec.commissionegaranziasciopero.it

Ai Prefetti delle Province della Regione Emilia-Romagna

Loro PEC

Ai Direttori Generali e Sanitari delle AASSLL della Regione Emilia-Romagna

Loro PEC



Oggetto: Proclamazione dello Stato di Agitazione e richiesta di avvio delle procedure di

Raffreddamento e Conciliazione di cui all’art. 2 comma 2 della legge 146/90 e s.m.i. per i Medicidell’Emergenza Sanitaria Territoriale 118 Convenzionati con le Aziende USL della Regione Emilia-Romagna



Gentili in indirizzo,

La presente per comunicare che SNAMI Emilia-Romagna ha deliberato nel Comitato Regionale di Settore del 26 Gennaio u.s. la decisione di procedere a dichiarazione di stato di agitazione a seguito degli accadimenti relativi alla mancata pubblicazione dell’avviso pubblico utile ad ammettere gli aventi diritto, alle procedure di assegnazione delle zone carenti di Emergenza Sanitaria Territoriale 118.

A seguito dell’entrata in vigore delle disposizioni legislative di cui agli articoli 272 273 della LEGGE 30 dicembre 2021, n. 234 (GU n.310 del 31-12-2021 - Suppl. Ordinario n. 49) , finalmente i medici precari del sistema 118 hanno avuto modo di vedere riconosciuto il loro impegno ed esperienza pluriennale, potendo accedere per legge alle procedure di assegnazione degli incarichi oggi ricoperti precariamente da anni.


SNAMI già dal 6 gennaio si   attivato con la Regione Emilia-Romagna, Servizio Assistenza Territoriale, per concordare l’adozione di un avviso di ammissione di tali medici, alla prima procedura utile, avendo questi medici maturato il diritto di partecipazione in subordine ai medici già  presenti in graduatoria regionale. In un primo momento la Regione si   correttamente e sollecitamente attivata, producendo anche un avviso pubblico e modulo di partecipazione in forma di bozza, che tutti i sindacati si aspettavano sarebbe stato pubblicato nelle tempistiche anticipate dagli stessi dirigenti del servizio.

Senza nulla piu’ sapere in merito, e visto il ritardo di pubblicazione, si   appreso solo per le vie brevi che il servizio Assistenza Territoriale avrebbe deciso di non procedere a pubblicazione, rimandando a eventuale successiva data e a diversa procedura, l’ammissione di tali medici alla meritata stabilizzazione. Tale evenienza, tuttavia, comporterebbe il rischio concreto ed immediato di perdita di chance di professionisti oggi aventi pieno diritto di partecipazione, con loro superamento da parte di colleghi con minore anzianità  e titoli.

Il Comitato di Settore ritiene di estrema gravità  il comportamento agito dal Servizio Assistenza Territoriale della Regione Emilia-Romagna, che senza alcuna formalizzazione scritta o avviso preventivo, ha ad oggi ad oggi omesso/ritardato la pubblicazione dell’avviso, e con esso le chance di tanti valorosi precari, di poter finalmente trovare il giusto riconoscimento degli sforzi fatti.


Questo comportamento di potenziale danneggiamento dei medici da SNAMI rappresentati, si inserisce su un panorama regionale desolante, ove la contrattazione regionale di settore e’ ferma dal 2008, in uno scenario dove in molte aree della regione i medici 118 precari e non, di fatto svolgono compiti ben oltre le previsioni contrattuali, privi di riconoscimenti economici e di tutela che sarebbero previsti in caso di corretto inquadramento per i compiti di assistenza ospedaliera, che di fatto in molte aree del territorio questi medici

sono costretti a coprire, in assenza di titoli, inquadramento, e tutele correlate.


La tempistica oramai insufficiente per ogni altra procedura negoziale, obbliga il Sindacato ad attivarsi senza ulteriore ritardo a tutela dei professionisti rappresentati.


Per quanto sopra esposto, SNAMI dichiara lo stato di agitazione e, trascorsi i termini previsti dalla legge per le procedure di raffreddamento e conciliazione, metter  in atto ogni legittima forma di protesta fino ad individuare e comunicare le date e le modalità  di sciopero.


Nell’attesa di un cortese riscontro, l’occasione   gradita per porgere i piu' cordiali saluti


Il Presidente Regionale

Dott. Roberto Pieralli

149 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page